Shanghai ha gestito un totale di 47,3 milioni di teu nel 2022.

 

Shanghai ha mantenuto la sua posizione di porto container più trafficato del mondo per il 13esimo anno consecutivo nel 2022, nonostante le sfide emergenti da altri porti, tra cui gli stessi della Cina e il nuovo Tuas di Singapore, che ha iniziato le operazioni proprio lo scorso anno.

I dati preliminari dei funzionari cinesi mostrano che il volume complessivo dei container di Shanghai è rimasto stabile per l’anno che rappresenta una ripresa significativa rispetto alla primavera del 2022, quando i volumi erano limitati dai blocchi in città e dalle restrizioni alla circolazione di camion e merci. I numeri preliminari rilasciati da Xinhua mostrano che Shanghai ha gestito un totale di 47,3 milioni di teu nel 2022.

Un dato che si confronta con un totale nel 2021 di 47 milioni di teu o un aumento inferiore all’1%. In confronto, il volume del 2021 era aumentato di poco più dell’8% rispetto al 2020. Shanghai ha iniziato il 2022 alla grande con un record di 4,3 milioni di teu nel primo mese di attività mentre esportatori e vettori si sono affrettati a spostare i container prima dell’inizio delle vacanze del capodanno cinese.

Il volume è rimasto complessivamente forte nel primo trimestre nonostante le festività, ma ad aprile il porto è stato influenzato dall’inizio di un blocco esteso a Shanghai e nella regione circostante nell’ambito della politica zero Covid della Cina.

I funzionari portuali hanno riferito che stavano mantenendo le operazioni durante i blocchi isolando i lavoratori all’interno del porto. Tuttavia, le fabbriche sono state chiuse e i camionisti hanno dovuto affrontare limitazioni ai loro movimenti.

Nel mese di aprile i volumi del porto sono scesi al livello più basso dell’anno a poco più di tre milioni di teu e poco più di 10 milioni di teu per il trimestre, numeri che evidenziano ancora di più la forte ripresa durante il terzo trimestre del 2022, quando i I volumi hanno nuovamente superato i 4,3 milioni di teu a luglio per un altro mese record, seguiti da oltre 4,1 milioni ad agosto.

Nel terzo trimestre il porto è quindi rimbalzato a oltre 12 milioni di teu. I volumi hanno continuato a superare i 4,1 milioni di teu al mese in ottobre e novembre, ma sono scesi a circa 3,8 milioni in dicembre.

La Cina storicamente molti dei primi 10 porti al mondo in base al volume dei container movimentati. Le strutture di Ningbo-Zhoushan hanno continuato a mostrare una forte crescita nel 2022.

Alla fine degli 11 mesi, i funzionari portuali hanno riferito che le strutture gemelle avevano raggiunto oltre 31 milioni di teu con una crescita di quasi l’8% per il 2022. Anche Qingdao ha registrato una forte crescita di quasi l’8% a oltre 23 milioni di teu nei primi 11 mesi dell’anno.

Nei primi 11 mesi del 2022 i porti cinesi hanno movimentato complessivamente più di 210 milioni di teu. Questo ha rappresentato un aumento complessivo di oltre il 4% per il volume dei container.

 

Fonte: transportonline.com