Lo ha costruito il gigante terminalistico DP World. “Si risparmia sino al 70% dello spazio e i costi energetici sono più bassi del 29%”. DP World ha completato con successo i test del sistema di stoccaggio container completamente automatizzato “Boxbay” costruito al terminal Jebel Ali di Dubai. Sono stati effettuati 63.000 movimenti di container da quando la struttura è stata commissionata all’inizio di quest’anno. La struttura, che può contenere 792 container alla volta, ha superato tutte le aspettative del gruppo arabo, offrendo più velocità ed efficienza energetica del previsto, come ha spiegato l’operatore del terminal di Dubai. Il sistema a energia solare immagazzina i container negli slot in una sorta di scaffale d’acciaio. DP World spiega che Boxbay offre tre volte la capacità di un deposito convenzionale in cui i container sono impilati direttamente uno sopra l’altro, riducendo l’ingombro dei terminal del 70% e i costi energetici del 29%. Boxbay è una joint venture tra DP World e il gruppo tedesco specializzato in ingegneria industriale SMS. Il sistema sposta i container dentro, fuori e tra gli slot con gru completamente elettrificate e automatizzate integrate nella struttura e può accedervi senza spostarne altri. “Questo test dimostra che Boxbay può rivoluzionare il funzionamento di porti e terminal. La tecnologia che abbiamo sviluppato con SMS, partner della joint venture, espande notevolmente la capacità, aumenta l’efficienza e rende la movimentazione dei container più sostenibile”, ha affermato il sultano Ahmed bin Sulayem, presidente del gruppo e CEO di DP World.

Fonte: ShipMag